Venticinquesima giornata Serie A: Juve e Napoli viaggiano a braccetto. Si infiamma la lotta per Champions League ed Europa League

Venticinquesima giornata Serie A: Juve e Napoli viaggiano a braccetto. Si infiamma la lotta per Champions League ed Europa League

Prosegue in vetta il testa a testa a distanza tra Juve e Napoli, entrambe vincenti e pronte per lo scontro diretto della prossima giornata che dirà molto sullo Scudetto 2018/2019. Se le prime due posizioni sembrano già assegnate, così non è per gli altri posti Champions: l’Inter pareggia in posticipo con la Fiorentina e si fa avvicinare da Milan e Roma, distanti rispettivamente 2 e 3 punti. Balzo avanti del Torino che batte l’Atalanta e raggiunge il sesto posto della Lazio e degli stessi bergamaschi.

Risultati e classifica

Milan – Empoli 3-0
Torino – Atalanta 2-0
Frosinone – Roma 2-3
Spal – Fiorentina 1-4
Sampdoria – Cagliari 1-0
Bologna – Juventus 0-1
Chievo – Genoa 0-0
Sassuolo – Spal 1-1
Parma – Napoli 0-4
Fiorentina – Inter 3-3
Lazio – Udinese: rinviata

Juventus 69
Napoli 56
Inter 47
Milan 45
Roma 44
Atalanta 38
Lazio 38
Torino 38
Fiorentina 36
Sampdoria 36
Sassuolo 31
Parma 29
Genoa 29
Cagliari 24
Spal 23
Udinese 22
Empoli 21
Bologna 18
Frosinone 16
Chievo 10

Alla Juve basta Dybala. Il Napoli risponde con una goleada

Ancora alle prese con i postumi della sconfitta di Madrid, la Juventus fatica moltissimo per aver ragione del volitivo Bologna di Mihajlovic. Il primo tempo è tutto di marca rossoblu con Santander e compagni che collezionano occasioni da gol senza però superare Perin. Nella ripresa l’episodio che cambia la gara. Allegri al 59′ inserisce Dybala al posto di uno spento Alex Sandro e la Joya lo ripaga con il gol vittoria appena otto minuti dopo. Grandi rimpianti per i felsinei che ci provano fino alla fine e sfiorano senza successo il pareggio con Sansone nei minuti finali.

Il Napoli mantiene a distanza l’Inter e lascia identico il distacco con la Juventus prima dello scontro diretto. Al Tardini è tutto facile per gli uomini di Ancelotti. Al 18′ apre le marcature Zielinski. Aperta la “scatola” gialloblu ci pensa Milik con una doppietta a chiudere virtualmente la gara. Nel finale c’è anche spazio per Ounas, sempre prezioso quando scende in campo: suo il gol che fissa il punteggio sul 4 a 0.

Fiorentina – Inter: pari spettacolo

Succede di tutto nel posticipo della domenica fra Inter e Fiorentina. I nerazzurri pareggiano 3-3 con la Viola e rallentano il passo dopo tre vittorie consecutive vedendo così avvicinarsi Milan e Roma. Gara rocambolesca al Franchi. Dopo un solo minuto di gioco la squadra di Pioli è in vantaggio grazie all’autogol di De Vrij. La reazione degli uomini di Spalletti è veemente: al sesto pareggia l’ex Vecino, al 40′ Politano porta i suoi in vantaggio e un rigore di Perisic allunga sul 3 a 1. Partita finita? Neanche per sogno. Il capolavoro di Muriel su calcio piazzato al 74′ dà il via alla rimonta viola che si completa con il rigore trasformato da Veretout al 101′.

Milan e Roma a caccia del terzo posto

Il Milan del 2019 sembra una squadra totalmente nuova. Il bilancio del nuovo anno parla di quattro vittorie e due pareggi contro Napoli e Roma. A San Siro, contro l’Empoli, si è vista una squadra solida e in ottima condizione fisica. Chiuso il primo tempo senza reti, il Diavolo ha spinto sull’acceleratore a inizio ripresa passando in vantaggio con l’infallibile Piatek e raddoppiando due minuti dopo con Kessié. Ottima la prova di Castillejo che dopo aver regalato l’assist per il 2 a 0 si mette in proprio e realizza la rete del definitivo 3 a 0. Inter a -2.

Non senza faticare la Roma di Di Francesco batte nel recupero il Frosinone e resta in scia delle milanesi. Apre la gara l’autogol di Olsen che sbaglia sul tiro di Ciano liberato davanti al portiere da un’incomprensione tra De Rossi e Nzonzi. Alla mezz’ora la reazione dei giallorossi che prima pareggiano con Dzeko e poi passano avanti con Pellegrini. I capitolini sembrano controllare il ritmo del match ma a dieci minuti dalla fine subiscono il pareggio del subentrato Pinamonti. Servirà il gol al 95esimo del solito centravanti bosniaco per mantenere il quinto posto in classifica e continuare a sperare nella Champions.

Il Torino entra in zona Europa League

È un Torino fatto a immagine e somiglianza del suo allenatore Mazzarri quello che raggiunge l’Atalanta al sesto posto e si candida alla qualificazione alla prossima Europa League. Grazie a una difesa solida e a un attacco cinico i granata battono i rivali diretti e arrivano alla quinta gara consecutiva senza subire reti. In chiusura di primo tempo è Izzo a portare avanti i suoi. A pochi minuti dal fischio d’inizio del secondo tempo il sinistro preciso di Iago Falque fissa il punteggio sul definitivo 2 a 0. Torino sesto in coabitazione con la stessa Atalanta e con la Lazio che dovrà recuperare la gara contro l’Udinese.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK