Giro della Gran Bretagna 2019: è caccia al successore di Alaphilippe

Giro della Gran Bretagna 2019: è caccia al successore di Alaphilippe

Tour-of-Britain-2019

Sale l’attesa per l’edizione 2019 del Tour Of Britain, corsa a tappe di una settimana inserita nel calendario dell’UCI Europe Tour. Evento cresciuto di livello e fascino nelle ultime stagioni, si correrà quest’anno dal 7 al 14 settembre su un percorso che va da Glasgow e Manchester e che non nasconde insidie e tappe adatte a ogni tipo di corridore.

I favoriti della gara

Saranno 20 squadre al via del Tour of Britain 2019 che quest’anno rappresenta anche un’ottima occasione per i ciclisti per saggiare la gamba in vista del Mondiale di Yorkshire 2019, in calendario appena quindici giorni dopo. Ai nastri di partenza ci saranno ben dieci formazioni WorldTour, a cui si aggiungono cinque squadre Professional, quattro compagini continental e una selezione nazionale locale. Non mancheranno i grandi nomi al via, pronti a prendersi il ruolo di favoriti dei pronostici di SportPesa. Il Team Ineos schiererà due corridori pronti a lottare per la classifica generale: il nostro Gianni Moscon e Pavel Sivakov, nono all’ultimo Giro d’Italia. Attenzione in chiave podio anche a Tony Gallopin della AG2R La Mondiale e a Tanel Kangert della Education First. Mancherà, invece, il vincitore dello scorso anno Julian Alaphilippe: la Deceuninck-QuickStep ha deciso di non partecipare a questa edizione. Assenti, oltre al francese che ha incantato all’ultimo Tour de France, anche l’olandese Wout Poels e lo sloveno Primoz Roglic, rispettivamente secondo e terzo nel 2018.

Il percorso

Tappa 1 – 7 settembre Glasgow – Kirkcudbright 201.5 km

Tappa 2 – 8 settembre Kelso – Kelso 166.5 km

Tappa 3 – 9 settembre Berwick – Newcastle 182.2 km

Tappa 4 – 10 settembre Gateshead – Kendal 171.5 km

Tappa 5 – 11 settembre Birkenhead – Birkenhead 174 km

Tappa 6 – 12 settembre Pershore – Pershore 14.5 km (ITT)

Tappa 7 – 13 settembre Warwick – Dassett 186.5 km

Tappa 8 – 14 settembre Altrincham – Manchester 165 km

La storia del Giro della Gran Bretagna

Il Tour Of Britain è l’erede diretto delle prime corse ciclistiche per dilettanti nel Regno Unito che si svolsero negli anni del secondo dopo guerra. Fu nel 1958 che la federazione nazionale decise di istituzionalizzare le varie competizioni e racchiuderle in una: la “Milk Race”. Inizialmente riservata ai soli dilettanti, venne aperta anche ai professionisti del 1985 al 1993, anno dell’ultima edizione.

Parallelamente, nel 1978 si tenne una corsa a tappe aperta a professionisti e dilettanti, il Tour Britain Open, vinta da Johan van der Velde. Il parallelismo tra pro e dilettanti rimase per molti anni. Nel 1987 venne inaugurato il Kellogg’s Tour, riservato ai soli professionisti e la cui prima edizione vide il successo di Joey McLoughlin. Nelle stagioni seguenti la gara aumentò di prestigio e l’albo d’oro si arricchì dei nomi di campioni come Robert Millar, Phil Anderson e Maurizio Fondriest. L’esperienza si chiuse nel 1995.

Dopo un’altra fase interlocutoria caratterizzata dal PruTour del biennio 1998-1999 e tre stagioni di pausa, la Gran Bretagna tornò ad avere nel 2004 la propria corsa a tappe. Fu proprio in quell’anno che assunse la denominazione attuale di Tour Of Britain e iniziò ad avere cadenza annuale. Dal 2005 è stata inserita nel calendario dell’UCI Europe Tour, inizialmente come prova di classe 2.1, e poi, dal 2014, come prova 2.HC.

Share this:


SportPesa Racing

18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK
SportPesa Italia Logo

Cliccando su questo link acconsento e richiedo di essere reindirizzato su https://blog.sportpesa.it/ in cui sono presenti contenuti relativi a giochi con vincita in denaro per maggiorenni.

Non desidero visualizzare contenuti relativi a giochi con vincita in denaro