Rugby World Cup: è il momento di Italia-Canada

Rugby World Cup: è il momento di Italia-Canada

Rugby-World-Cup-2019-Italia-Canada-statistiche

Archiviata la pratica Namibia, l’Italrugby è concentrata sulla seconda partita del girone della Rugby World Cup 2019, che la vede impegnata contro il Canada. Gli azzurri hanno salutato Higashiosaka e il suo storico Hanazono Rugby Stadium e in un paio d’ore di Shinkansen hanno raggiunto Fukuoka. Un viaggio verso il sud del Giappone e la più grande metropoli nipponica a ovest di Osaka, dove il 26 settembre alle 9:45 ora italiana affronteranno i Canucks all’Hakatanomori Stadium.

La condizione degli Azzurri

L’esordio dell’Italia nel mondiale ha dato importanti indicazioni sulla condizione dei giocatori e della squadra in generale. Nella partita contro la Namibia l’Italia ha vinto 47-22, alternando sprazzi di bel gioco a defaillance che non potrà concedersi con il Canada e ancor meno con Sudafrica e Nuova Zelanda. Gli Azzurri hanno avuto un avvio shock contro i Welwitschias, subendo una meta e andando sotto per 7-0 dopo appena cinque minuti. L’Italia ha ripreso in mano la partita e chiuso il primo tempo sul 21-7. Nella ripresa stesso copione: l’Italia attacca e conquista altri due mete e il punto bonus, ma commette altri errori e subisce due segnature dalla Namibia.

Con il punteggio di 47-22 Italia e Namibia hanno segnato un record per questa edizione della RWC: è la partita in cui la squadra vincente e quella perdente hanno fatto più punti; è anche il match con più mete. Non un buon segnale per l’Italia, ma se vogliamo guardare il bicchiere mezzo pieno è chiaro che pur non giocando al meglio gli azzurri hanno segnato 47 punti e portato a casa il primo posto nel girone con 5 punti, seguiti dagli All Blacks a 4 punti, Springboks, Welwitchias e Canucks a zero punti.

Buone le notizie dall’infermeria. Tiziano Pasquali, l’unico infortunato della partita, ha riportato solo una contusione al braccio e contro il Canada sarà a disposizione di Conor O’Shea. Diversa la situazione di Edoardo Padovani: ha riportato una lesione cartilaginea all’emitorace destro e sarà sottoposto a terapie specifiche.

La sfida contro il Canada

Gli Azzurri hanno poco più di tre giorni per preparare la sfida contro i Canucks e affronteranno un lavoro meno fisico e più tattico per non arrivare affaticati il 26 settembre. È previsto un ampio turnover e il capitano Parisse sarà tenuto a riposo, il leader della squadra sarà Budd. Per il Canada sarà la partita d’esordio, saranno più freschi e proveranno a fare lo sgambetto alla nostra nazionale. Nonostante questo e l’avvio poco convincente l’Italia resta la squadra favorita secondo le quote delle scommesse sportive di SportPesa. Parlano chiaro anche gli scontri diretti tra Azzurri e Canucks: su nove partite tra le due nazionali, ben sette sono state vinte dall’Italrugby.

L’ultima vittoria del Canada risale al novembre del 2000, l’altra addirittura al 1983. Due le sfide nella Rugby World Cup: una nel 2003 in Australia (19-14 per l’Italia) e l’altra esattamente quattro anni fa, il 26 settembre del 2015. In una intervista Tommaso Benvenuti ha ricordato quella sfida, in cui l’Italia faticò più del previsto e vinse 23-18 in rimonta. Per evitare di soffrire come quattro anni fa in Inghilterra gli azzurri non dovranno ripetere gli errori commessi con la Namibia. È obbligatorio vincere e convincere e giocarsi poi tutto contro il Sudafrica.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK