Quarta giornata Serie A: la Juve sa solo vincere, tengono il passo Napoli e la sorpresa Spal

Quarta giornata Serie A: la Juve sa solo vincere, tengono il passo Napoli e la sorpresa Spal

La quarta giornata della Serie A 2018-2019 passerà agli annali come quella dei bomber. Nella domenica di campionato hanno timbrato per la prima volta il tabellino Cristiano Ronaldo, alla prima doppietta italiana, e Gonzalo Higuain, marcatore nell’1 a 1 tra Milan e Cagliari. Ancora a secco gli ex-capocannonieri Immobile e Icardi, le sorprese arrivano dalle parti di Genova con Defrel e Piatek che guidano la classifica dei gol a quota 4. Intanto la Juve è già in fuga con 12 punti in quattro partite, seguita dal Napoli di Ancelotti a 9 e dalla Spal, la vera sorpresa di questa prima parte di stagione.

I risultati e la classifica

Inter – Parma 0 – 1
Napoli – Fiorentina 1 – 0
Frosinone – Sampdoria 0 – 5
Roma – Chievo 2 – 2
Genoa – Bologna 1 – 0
Juventus – Sassuolo 2 – 1
Udinese – Torin0 1 – 1
Empoli – Lazio 0 – 1
Cagliari – Milan 1 – 1
Spal – Atalanta 2 – 0

Juventus 12 punti
Napoli 9
Spal 9
Sassuolo 7
Sampdoria 6
Fiorentina 6
Genoa 6
Lazio 6
Roma 5
Torino 5
Udinese 5
Cagliari 5
Atalanta 4
Milan 4
Inter 4
Empoli 4
Parma 4
Bologna 1
Frosinone 1
Chievo -1

Solo il Napoli e Lazio reggono il passo della Juve. Frenano Milan e Roma

Il Sassuolo, secondo in classifica prima del fischio d’inizio della quarta giornata, ci ha provato fino all’ultimo a battere la capolista Juventus ma contro una squadra così ricca di frecce e opzioni offensive non c’è stato niente da fare. Dopo un primo tempo chiuso sullo 0 a 0 è arrivato al terzo minuto della ripresa il primo storico gol di CR7 in Italia: un tap-in facile facile sulla linea di porta. La rete ha sbloccato il portoghese che dopo quindici minuti ha raddoppiato prima di sbagliare due facili occasioni nei minuti successivi. Ma il Sassuolo è squadra vera e dopo aver accorciato nel finale con Babacar sfiora il clamoroso pareggio a pochi secondi dalla fine costringendo Szczesny al miracolo.

Al secondo posto in classifica si porta il Napoli di Ancelotti. L’impegno non era dei più facili. I partenopei erano reduci dalla brutta sconfitta con la Samp e davanti avevano una Fiorentina a punteggio pieno. Alla fine di novanta minuti molto combattuti e poco spettacolare ci ha pensato Insigne, con un colpo dei suoi, a risolvere una partita che a dieci minuti dal 90′ pareva destinata al nulla di fatto.

Si ferma ancora una volta la Roma. Passata in vantaggio per 2 a 0 dopo trenta minuti con le reti di El Sharawy e Cristante, la squadra di Di Francesco si fa prima rimontare da Birsa e Stepinski e nel finale rischia il 3 a 2 su tiro di Giaccherini respinto miracolosamente da Olsen.

Non fa meglio il Milan, fermato sull’1 a 1 dal Cagliari. Avvio a tutta velocità dei sardi che passano in vantaggio con Joao Pedro al quarto minuto e sfiorano il raddoppio pochi istanti dopo col palo di Barella. I rossoneri però non ci stanno, alzano il baricentro e trovano il pareggio a inizio ripresa con Higuain. Nel finale a nulla è servito il forcing della squadra di Gattuso che ha trovato un ostacolo insormontabile nel portiere Cragno.

Tre punti anche per la Lazio, brava a sfruttare le amnesie difensive di un buon Empoli e a chiudere sull’1 a 0 con gol di Parolo.

La Spal è seconda in classifica

Continua a sognare la Spal, la vera sorpresa di inizio stagione. I ragazzi di Semplici hanno sconfitto nel posticipo del lunedì l’Atalanta per 2 a 0. Ironia della sorte è stato Andrea Petagna, ex della Dea, a realizzare la doppietta che ha portato i ferraresi al secondo posto in classifica.
Poco convincente l’Atalanta di Gasperini, mai pericolosa se non nel finale con Masiello e Ilicic, e ancora in difficoltà nel gioco e nei risultati dopo l’eliminazione dal playoff di Europa League contro il Copenaghen.

Lotta per la salvezza: Parma corsaro. Ancora senza reti Frosinone e Bologna

Nelle posizioni che valgono la salvezza sorprende il Parma di D’Aversa che batte l’Inter per 1 a 0 grazie al gol dell’ex DiMarco e si porta fuori dalle zone calde. Molto bene anche il Genoa che sfrutta il solito Piatek, ora primo in classifica marcatori, per battere un Bologna ben messo in campo ma in evidente difficoltà in zona gol (0 reti segnate in quattro giornate).

Lo stesso problema del gol che ha il Frosinone, ancora a secco in questo avvio di campionato. Davanti al proprio pubblico la squadra di Longo ha subito un pesante 5 a 0 da uno dei team più in forma dell’intera Serie A, la Samp di Giampaolo. Ancora a segno Quagliarella per sbloccare il risultato prima delle marcature di Caprari, Defrel (2) e Kownacki.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK