Gp Brasile F1: Hamilton vince ancora e regala alla Mercedes il quinto titolo costruttori

Gp Brasile F1: Hamilton vince ancora e regala alla Mercedes il quinto titolo costruttori

Lewis Hamilton non si accontenta del quinto Titolo Mondiale e conquista anche il Gp del Brasile di Formula 1, ventesimo appuntamento stagionale. Un successo, quello di Interlagos, che vale anche il quinto sigillo consecutivo per la Mercedes nel Campionato costruttori e per il pilota inglese la vittoria numero 72 in carriera. Secondo posto per lo scatenato Max Verstappen, penalizzato mentre era in testa nel doppiaggio della Force India di Ocon. Terzo Raikkonen con la prima delle due Ferrari. Al sesto posto Vettel, vittima di problemi tecnici fin dalla partenza.

La gara

Come da tradizione, la gara di Interlagos si conferma spettacolare fin dai primi giri. Protagonista in avvio (e lo sarà per tutto il GP) Max Verstappen che nelle prime cinque tornate riesce a superare entrambe le Ferrari. Prima quella di Raikkonen al terzo giro in fondo al rettilineo d’arrivo e poi quella di Vettel al passaggio successivo nello stesso tratto.
Al decimo ennesimo sorpasso capolavoro dell’olandese, questa volta ai danni di Bottas, passato in seconda posizione grazie a una ottima partenza.

Dopo la prima parte di gara e i primi pit stop la situazione vede ancora davanti Hamilton, seguito da Bottas e dalle Ferrari di Vettel e Raikkonen. A guidare la classifica ci sono però le due Red Bull di Verstappen e Ricciardo. E qui entra in gioco la splendida strategia della scuderia austriaca.
Grazie a una gestione delle gomme perfetta, la Red Bull decide di far rientrare Verstappen al 36° giro montandogli le gomme soft (era partito con le supersoft). Risultato? Sorpasso su Hamilton quattro tornate dopo e primo posto conquistato.
Ma è al 44° giro che arriva il colpo di scena che nessuno si aspettava. In un normale doppiaggio sulla Force India di Ocon, Verstappen viene speronato e va in testacoda. L’olandese riesce a ripartire, seppur con il fondo rovinato, ma nel frattempo Hamilton si è ripreso quella prima posizione che riuscirà a mantenere fino al traguardo.
Alle spalle dei due si piazza sul terzo gradino del podio un combattivo Raikkonen, bravo prima a superare Bottas e poi a difendere la posizione dagli attacchi di Ricciardo, quarto sotto la bandiera a scacchi davanti allo stesso Bottas, a Vettel e al bravissimo Lecrerc, prossima guida Ferrari.

F1 2018: la Ferrari si avvicina ma vince ancora la Mercedes

Mancano due settimane all’ultima gara dell’anno ad Abu Dhabi ma è già arrivato il momento dei bilanci stagionali. Anche quest’anno ci ritroviamo a festeggiare l’assegnazione del titolo di campione mondiale a Lewis Hamilton in anticipo rispetto alla conclusione della stagione. Quinto titolo per l’inglese e quinto consecutivo anche per la Mercedes, autentica dominatrice dell’era dei motori ibridi.
C’è però un dato fondamentale che fa sperare i tifosi della Ferrari (anche quest’anno seconda in entrambe le classifiche). Se nelle precedenti stagioni il dominio era stato assoluto, quest’anno gran parte del campionato è stato decisamente equilibrato. Sebastian Vettel con una Rossa finalmente competitiva e in molte gare superiore alla Mercedes, ha tenuto aperta la lotta per il titolo fino alla gara di Spa Francorchamps. È mancato però il rush finale e una volta riportato in parità il duello tra i mezzi tecnici sono arrivati alcuni errori del pilota di Maranello a spostare la bilancia a favore di Hamilton.
Più che di dominio Mercedes è giusto però parlare di capolavoro del penta-campione del Mondo. Bravo a resistere quando la sua monoposto ne aveva meno dei diretti avversari, l’inglese ha approfittato di ogni errore di Vettel e Raikkonen, ha corso alcune gare da “ragioniere” e ha spinto quando aveva la possibilità di vincere. La dimostrazione di come a contare di più sia il pilota anche nella Formula 1 ultramoderna.
Quella 2018 è stata una stagione sportivamente spettacolare da tanti punti di vista, sia grazie a una lotta diretta come non si vedeva da anni, sia per le belle gare che in generale ci ha proposto ma soprattutto perché ci ha regalato un nuovo protagonista destinato a dominare il circus per i prossimi anni. Stiamo parlando di Max Verstappen. Il giovanissimo pilota olandese, seppur con una Red Bull inferiore alle avversarie, ha conquistato due vittorie e dieci podi, mostrando sprazzi di talento cristallino. Che il 2019 sia l’anno buono per interrompere il duopolio Mercedes – Ferrari e per togliere il trono a Hamilton?

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK