Le fiches del casinò. Come sono nate?

Le fiches del casinò. Come sono nate?

fiches del casinò

La nascita delle fiches

Le fiches, questi gettoni colorati, sono da sempre il simbolo del casinò. Seduti al tavolo da gioco in uno dei tanti casinò in Italia e nel mondo oppure giocando online le fiches sono l’elemento più colorato e distinguibile del casinò.

Ma come nascono e come sono state introdotte nei casinò?

Il gioco d’azzardo affonda le sue radici già nel periodo delle civilizzazioni mesopotamiche, è presente nell’antico Egitto e anche presso gli antichi romani. Parliamo di tempi davvero antichi in cui diventa un’attività sempre più popolare arrivando fino alla creazione dei primi casinò moderni creati nella laguna veneta nel diciassettesimo secolo.

Le fiches nascono a seguito della necessità di creare un’unità di misura per le scommesse e il gioco d’azzardo in generale. Prima ognuno puntava ciò che aveva, oggetti, monete, possedimenti, denaro contante, insomma un po’ di tutto. Questo però generava situazioni impari perché gli oggetti puntati avevano dei valori troppo diversi tra loro rendendo poi le puntate di difficile gestione. I primi casinò avvertirono quindi l’esigenza di avere un’unità di misura comune a tutti e che fosse facile da scambiare, misurare e gestire per rendere gli scambi più semplici.  I primi esperimenti relativi alle fiches risalgo però solo a tempi abbastanza recenti, se ne trova traccia infatti nel diciannovesimo secolo negli Stati Uniti.

Il casinò di SportPesa

Le prime fiches

Le primissime fiches apparse nei casinò erano fatte di osso e legno. Molto pratiche ed economiche, ma anche molto facili da falsificare. Da subito rappresentarono una via poco percorribile, era necessario trovare un materiale diverso. Venne sperimentata anche l’argilla, che con l’apposizione del logo del casinò sembrava ovviare al problema della falsificazione. Il materiale però non era abbastanza resistente e durevole. Si rompevano troppo facilmente.

Non si volle però abbandonare l’argilla che fu invece presto mischiata ad altri materiale per diventare più solida: la miscela prevedeva sabbia, gesso e diversi tipi di argilla più densi.

L’evoluzione delle fiches

Il vero cambiamento arriva negli anni ’80 quando i casinò più piccoli e meno prestigiosi scelgono di passare alla plastica, mentre i casinò più rinomati decidono invece per la ceramica. Un altro problema diventa però molto presente in questi anni: i furti delle fiches.

Possono essere scambiate per denaro vero e questo generò davvero molti furti all’interno delle sale dei casinò. Si cercò anche in questo caso di modificare le fiches per renderle più sicure. Venne infatti inserito al loro interno un dispositivo RFID che ne permette la localizzazione.

Si sviluppa anche un fenomeno nuovo intorno a questo oggetto dai mille desideri. Il collezionismo. Le fiches più antiche vanno a ruba e vengono ricercate a caro prezzo dai collezionisti di tutto il mondo. Esattamente come succede per i collezionisti di monete vere o francobolli le fiches diventano un patrimonio importante anche in base al valore della singola fiche che proprio come il denaro vero corrisponde ad una cifra specifica.  Quando invece non vengono usate come denaro le fiches prendono il nome di “chip” e vengono utilizzate per ricordare il punteggio del gioco.

Leggi altri articoli sul casinò.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK