F1: i segreti di Interlagos

F1: i segreti di Interlagos

circuito-interlagos

Tutto pronto per la penultima tappa del Mondiale di F1 2019. Come da tradizione si corre in Brasile, nell’autodromo José Carlos Pace di Interlagos, pista di Formula 1 fin dal 1973. Originariamente lungo circa 8 km, il tracciato ha ospitato sette edizioni del GP tra la data dell’inaugurazione e il 1990 prima di subire una profonda rivisitazione (si è scesi a 4,3 km) che l’ha portato alla configurazione utilizzata ininterrottamente dal 1991 a oggi.

Le difficoltà del tracciato

Il circuito di Interlagos misura precisamente 4.309 km ed è composto da 15 curve, dieci delle quali a sinistra e cinque a destra. Si gira in senso antiorario e sono previste due zone per l’utilizzo del DRS: la prima nel rettifilo tra curva 3 e curva 4. La seconda su quello del traguardo.

Il primo settore è caratterizzato da una frenata molto difficile seguita da tre veloci cambi di direzione e dal primo lungo rettilineo. Un layout ideale per le caratteristiche della Ferrari che dopo qualche gara difficile partirà in Brasile con i favori delle quote delle scommesse sportive di SportPesa.

Nella seconda parte a contare è soprattutto il carico aerodinamico: avere un buon grip e riuscire a gestire i pneumatici diventerà fondamentale per affrontare il tratto più tecnico. Il giro si concluderà con il terzo e ultimo settore: caratterizzato da un lungo rettilineo sembra essere l’ideale per esaltare la potenza delle Power Unit e la trazione, determinante soprattutto in uscita dalla curva Junçao.

L’importanza dell’aerodinamica

La pista di Interlagos richiede un carico aerodinamico medio/alto per affrontare efficacemente il secondo settore, ricco di curve dalla diversa configurazione e velocità. Nella prima e terza parte del tracciato è invece il motore ad avere maggiore importanza grazie alla presenza di due lunghissimi rettilinei che permettono di tentare eventuali sorpassi.

L’incognita altura

Come in tutti i circuiti situati in altura, anche quello di Interlagos proporrà difficili sfide a tecnici e ingegneri. Interlagos è infatti a 800 metri sopra il livello del mare e la sua locazione mette a dura prova le moderne Power Unit: basti pensare che la pressione sui gruppi turbocompressori porta a una perdita di potenza stimata nell’1,5%. Per compensare questo calo si andrà a intervenire proprio sul gruppo, portandolo a lavorare a circa 2000 giri al minuto in più. Molto contenuti, invece, i consumi, con le scuderie che non dovranno preoccuparsi troppo dell’uso del carburante durante i 71 giri di gara.

La scelta dei pneumatici

La Pirelli ha scelto per il Gp del Brasile le tre mescole più dure a disposizione, la C1, hard di colore bianco, la C2, media gialla e la C3, rossa soft. La pista brasiliana non è lunghissima ma le numerose curve e il carico aerodinamico elevato delle vetture metterà a dura prova i pneumatici. A maggior ragione in caso di temperature più elevate della norma. Già definite le strategie tra i top team: per Mercedes Bottas correrà con tre set di medie e due di hard mentre Hamilton con un set di hard e quattro di medie. Stessa configurazione per Ferrari e Red Bull che hanno scelto un set di hard, due set di medie e dieci set di soft.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK
SportPesa Italia Logo

Cliccando su questo link acconsento e richiedo di essere reindirizzato su https://blog.sportpesa.it/ in cui sono presenti contenuti relativi a giochi con vincita in denaro per maggiorenni.

Non desidero visualizzare contenuti relativi a giochi con vincita in denaro