Emergenza coronavirus: cosa cambia per la Serie A

Emergenza coronavirus: cosa cambia per la Serie A

emergenza-coronavirus-serie-a

Con le misure prese dal governo italiano per arginare la pandemia causata dal virus Covid-19 si è fermato tutto lo sport sul territorio nazionale, Serie A compresa. E in attesa del 3 aprile, giorno in cui scadrà il periodo di quarantena imposto dalle autorità, ci si interroga sulle possibili opzioni per portare a termine il campionato. Proviamo a capire cosa potrebbe succedere e le varie possibilità al vaglio della Lega e della FIGC.

La situazione

Dopo una fase molto confusa con partite rimandate, possibili sospensioni comunicate un minuto prima di scendere in campo e un turno giocato a porte chiuse, anche la Lega di Serie A ha deciso di fermare le attività fino alla fine dell’emergenza. Il tutto con una situazione che vede otto squadre con una gara da recuperare e le altre 12 con il calendario completo. L’11 marzo è arrivato lo stop ufficiale ai match che ha aperto una lunga serie di interrogativi: finirà il campionato? Se si chiudesse qui chi andrà in Europa e chi in Serie B? Quando terminerà la stagione se si riuscisse a ripartire ad aprile? Tutte domande che al momento non trovano risposte ma solo ipotesi. Nel frattempo anche diversi calciatori sono risultati positivi al Covid-19. Il primo in ordine di tempo è stato Daniele Rugani della Juventus, seguito poche ore dopo da Manolo Gabbiadini della Samp, dai compagni Ekdal, La Gumina e Thorsby e dai fiorentini Vlahovic, Cutrone e Pezzella.

La fine del campionato: ipotesi playoff?

La prima ipotesi fatta per chiudere il campionato nei tempi previsti e permettere ai calciatori di prepararsi per Euro 2020 (anche se una decisione definitiva sulla rassegna continentale e sulle Coppe verrà presa dalla UEFA il 17 marzo), è quella di disputare playoff e playout per assegnare lo Scudetto e definire le retrocessioni in B. Un’idea che non piace molto ai dirigenti ma che potrebbe tornare di stretta attualità se i decreti governativi dovessero essere prorogati oltre il 3 aprile. Se si decidesse per le gare a eliminazione diretta, situazione che cambierebbe non poco le quote delle scommesse online sul calcio di SportPesa, nascerebbero altri nodi: chi va in Champions League, chi in Europa League? Come vengono assegnate le teste di serie?

L’altra opzione è invece legata alle decisioni della UEFA. In caso di spostamento degli Europei a novembre o al prossimo anno il campionato potrebbe ripartire da dove è stato interrotto.

Lo scenario peggiore: campionato congelato o annullato?

Nel caso in cui l’emergenza dovesse prolungarsi fino all’estate c’è anche il rischio che la stagione non venga portata a termine. Un altro scenario che dà vita a ulteriori interrogativi: lo Scudetto verrà assegnato? Chi andrà in Europa? Chi scenderà in Serie B e chi salirà in Serie A? Si tratta dell’ipotesi peggiore ma al momento è difficile escluderla del tutto. Forse l’unica soluzione possibile sarebbe quella di accantonare questo torneo, congelare le retrocessioni e ammettere al prossimo campionato le prime due della Serie B. In questo modo avremmo una stagione 2020/2021 con 22 squadre e 5 retrocessioni per poi poter tornare al format a 20 a partire dal 2021/2022.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK
SportPesa Italia Logo

Cliccando su questo link acconsento e richiedo di essere reindirizzato su https://blog.sportpesa.it/ in cui sono presenti contenuti relativi a giochi con vincita in denaro per maggiorenni.

Non desidero visualizzare contenuti relativi a giochi con vincita in denaro