Emergenza Covid-19: come cambia il calendario del ciclismo?

Emergenza Covid-19: come cambia il calendario del ciclismo?

emergenza-coronavirus-ciclismo

L’ultima corsa disputata è stata la Parigi-Nizza e non si tornerà in gruppo prima di maggio, emergenza permettendo. È la dura realtà del ciclismo professionistico, colpito come gli altri sport dalla pandemia globale causata dal virus Covid-19. Difficile al momento capire se e come proseguirà la stagione ma l’UCI, dopo aver annunciato la cancellazione e il posticipo di alcune gare, è già al lavoro per creare un calendario alternativo.

La situazione attuale e le decisioni dell’UCI

Come previsto e ampiamente prevedibile, al termine della Parigi-Nizza è arrivato l’annuncio ufficiale: l’UCI ha sospeso le gare professionistiche almeno fino al 3 aprile, riservandosi la possibilità di prorogare lo stop nel caso in cui l’emergenza coronavirus dovesse prolungarsi. Una scelta obbligata che segue quelle che avevano portato all’annullamento di Strade Bianche, Tirreno-Adriatico, Milano-Sanremo, Volta a Catalunya, Giro di Normandia e alla scelta di posticipare la partenza del Giro d’Italia, inizialmente in programma a maggio a Budapest. Decisioni difficili, quelle del massimo organismo internazionale del ciclismo che in questi giorni sta monitorando la situazione dell’epidemia e sta lavorando per cercare di salvare il maggior numero di gare possibile.

Saltano le classiche del nord?

Dopo Milano-Sanremo e Tirreno-Adriatico è stata la volta delle classiche del nord. La prima a “saltare” è stata il Giro delle Fiandre, in programma il prossimo 5 aprile. Non veniva sospeso dal 1918. Non è l’unico evento a rischio: al momento sono in forse anche la Parigi-Roubaix (prevista per il 12 aprile), la Freccia Vallone (22 aprile) e la Liegi-Bastogne-Liegi (26 aprile). E se per ora si parla di rinvio, è andata peggio al Giro di Romandia che, in programma tra il 28 aprile e il 3 maggio, è stato ufficialmente cancellato per questa stagione. Tra le corse di primavera l’unica che al momento resta in forse è l’Amstel Gold Race del 19 aprile, ma alla luce della situazione attuale è difficile che non subisca lo stesso destino delle altre classiche.

Giro d’Italia posticipato?

La prima brutta notizia per chi attendeva il secondo capitolo del duello Carapaz – Nibali, favoriti della vigilia dei pronostici online sul ciclismo di SportPesa, per la Maglia Rosa è arrivata qualche giorno fa: RCS Sport ha rinviato l’inizio del Giro d’Italia, inizialmente previsto per il 9 maggio a Budapest. Difficile al momento anche fare previsioni sulla nuova sede di partenza e sullo svolgimento stesso della corsa a tappe: gli organizzatori hanno annunciato novità il giorno 3 aprile, al termine delle misure straordinaria adottate dal governo con il D.P.C.M. del 4 marzo 2020.

Le opzioni per salvare la stagione

Nel frattempo ad Aigle, sede centrale dell’UCI, i vertici del ciclismo mondiale sono già al lavoro per creare un nuovo calendario che tenga conto dei possibili scenari. L’opzione più credibile, al momento, è quella che vedrebbe una ripresa in tempo per i Campionati Nazionali e quindi lo svolgimento regolare del Tour de France con il posticipo di qualche settimana del Mondiale (da fine settembre a metà ottobre). Così si riuscirebbe a salvare anche il Giro d’Italia, spostato a fine estate. In caso di prolungamento dell’emergenza una delle grandi corse a tappe rischia di non essere disputata.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK
SportPesa Italia Logo

Cliccando su questo link acconsento e richiedo di essere reindirizzato su https://blog.sportpesa.it/ in cui sono presenti contenuti relativi a giochi con vincita in denaro per maggiorenni.

Non desidero visualizzare contenuti relativi a giochi con vincita in denaro