Australian Open: Djokovic e Osaka sul tetto del mondo

Australian Open: Djokovic e Osaka sul tetto del mondo

Erano i favoriti della vigilia e hanno confermato le previsioni. Stiamo parlando di Novak Djokovic e Naomi Osaka, freschi vincitori del primo Slam della stagione e leader delle rispettive classifiche ATP. A Melbourne il serbo e la giapponese hanno battuto in finale Rafa Nadal e Petra Kvitova confermandosi padroni dei major e dando continuità ai trionfi di New York. Quindicesimo titolo per Djoker e secondo consecutivo per la Osaka.

La settima meraviglia di Djokovic

È stato un Novak Djokovic ingiocabile quello che ha dominato Rafa Nadal in finale. 3 set a 0 (6-3, 6-2, 6-3 il punteggio) in appena due ore e 4 minuti di gioco che significano dominio assoluto. Un dominio iniziato dal primo parziale in cui il serbo trova un’altissima percentuale di prime e quella precisione nei colpi che non si vedeva da tempo. Davanti a lui un Nadal apparso troppo passivo fin dai primi game, incapace di leggere le traiettorie dell’avversario e costretto a cedere subito il servizio.
Basti pensare che dopo appena 36 minuti il numero uno del mondo è già in vantaggio per un set a zero.

Alla ripresa la situazione non cambia. Djokovic controlla fino al 2 pari prima di piazzare la zampata decisiva nel quinto gioco e strappare il servizio allo spagnolo. Il sesto game è quello decisivo sia per il parziale che per il match: per la prima volta Rafa fa due punti sul servizio del serbo che sente la pressione. Si va ai vantaggi, Nole manca ancora la palla per chiudere il game battuto da un super dritto dello spagnolo che carica il maiorchino. Ma Nole tiene e senza concedere palle break sale 4-2. È un brutto colpo per Nadal che non reagisce e si vede sfilare il secondo set per 6 a 2.

Il terzo set è il più combattuto. Djokovic conquista ancora il servizio nel terzo gioco ma sul 3 a 2 è costretto ad affrontare la prima palla break in favore di Nadal. Prontamente annullata. Dopo un altro game vinto ai vantaggi, il serbo gioca un parziale impressionante e si conquista due palle match: la seconda è quella buona. I numeri di Nole sono incredibilii: 8 ace, zero doppi falli, il 72% di prime in campo con la straordinaria cifra di 34 vincenti e 9 errori gratuiti. È il quindicesimo slam in carriera, il terzo vinto di fila dal numero uno del mondo e il settimo Australian Open. Record assoluto davanti ai sei successi di Roy Emerson e Roger Federer.

Naomi Osaka: la nuova regina del tennis mondiale

Il campo centrale di Melbourne ha accolto l’arrivo della nuova regina per gli Australian Open e del tennis femminile. Naomi Osaka ha conquistato in una volta il primo major stagionale e il numero uno del ranking mondiale. E l’ha fatto vincendo in tre set una finale epica contro una grandissima Petra Kvitova, tornata a ottimi livelli dopo una serie di brutti infortuni. Sono servite due ore e 27 minuti di grande tennis alla giapponese (punteggio 7-6(2) 5-7 6-4) per ottenere il secondo Slam consecutivo dopo gli US Open in una partita caratterizzata da continui colpi di scena.

Nel primo set regna l’equilibrio fino al quinto gioco in cui la Osaka annulla due palle break e riesce a mantenere il servizio. Da qui girandola di emozioni con break e contro-break e punteggio che arriva al 6 pari. Il tie-break è dominato dalla giapponese: 7 punti a 2 e primo parziale in cascina.

Il secondo parziale è un match nel match. La Kvitova strappa il servizio alla Osaka ma subisce il contro-break nel terzo gioco. Stesso copione nel quinto con la nuova numero uno del mondo che allunga fino al 4-2. Partita finita? Neanche per sogno. La giapponese spreca tre match point nel decimo gioco e subisce l’incredibile rimonta della ceca che prima passa in vantaggio 6-5 e poi chiude il set sul 7-5.

Si arriva così al terzo e decisivo parziale. La Osaka perde il primo game ma riesce a riordinare le idee e a ritrovare il suo miglior tennis. Un livello di gioco che le permette di strappare il servizio alla ceca, portarsi sul 3 a 1 e controllare fino al 6-4 decisivo.

Le nuove classifiche ATP e WTA

Il settimo sigillo agli Australian Open permette a Novak Djokovic di consolidare la leadership mondiale e di portare a tredici settimane consecutive la permanenza al numero uno del mondo. Aumenta il distacco di Nadal, ancora secondo, ma a 2.635 punti. Sul terzo gradino del podio e al best ranking Alexander Zverev. Dietro i primi tre molto movimento: con l’uscita agli ottavi, Roger Federer scende al sesto posto dietro a Juan Martin Del Potro e Kevin Anderson. Completano la top ten Kei Nishikori, Dominic Thiem, John Isner e Marin Cilic.

La nuova numero uno del tennis femminile è Naomi Osaka. Dietro di lei, a 740 punti, c’è l’altra finalista di Melbourne, Petra Kvitova. Scende al terzo posto dopo 49 settimane consecutive in vetta Simona Halep. Brutte notizia anche per Angelique Kerber, passata dalla seconda alla sesta posizione e superata da Sloane Stephens e Karolina Pliskova. Stabile al settimo posto Elina Svitolina, davanti a Kiki Bertens, Caroline Wozniacki e Aryna Sabalenka, per la prima volta nella top ten.

Share this:



18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK