Ajax – Juventus: ci pensa sempre Ronaldo. Ad Amsterdam finisce 1 a 1

Ajax – Juventus: ci pensa sempre Ronaldo. Ad Amsterdam finisce 1 a 1

Due gol, un palo, tante occasioni e il timbro del solito Cristiano Ronaldo. Si chiude così un bellissimo Ajax – Juventus, valido per l’andata dei quarti di finale della Champions League 2018/2019. Gli olandesi hanno impressionato per tecnica e abilità nel palleggio in fase offensiva mentre si sono rivelati più fragili dietro. Una debolezza di cui hanno approfittato i bianconeri, bravi a passare in vantaggio con una bella rete di CR7 e a sfruttare ripartenze e contropiede nella ripresa. E ora il discorso qualificazione passa dallo Stadium.

Ajax – Juve, primo tempo: Ronaldo apre le danze

L’Ajax parte forte, gestisce il gioco con il palleggio e nei primi quindici minuti crea non pochi grattacapi a Szczesny. Dopo il primo squillo di Bernardeschi al secondo minuto (sinistro dal limite fuori di poco), i lancieri iniziano a collezionare occasioni da gol. Protagonista la coppia Tadic-Zyech con il secondo per ben tre volte al tiro nella prima mezz’ora: soltanto la scarsa precisione e i riflessi del portiere polacco impediscono agli olandesi di passare in vantaggio. La più grande chance biancorossa arriva però al 25′ quando Van de Beek, servito dal solito Zyech spara fuori a pochi passi dal gol.
Il pericolo sveglia i bianconeri che alzano il baricentro e iniziano a rispondere alle iniziative dei lancieri. È ancora Bernardeschi a rendersi pericoloso al 37′ ma la sua girata in area viene deviata fuori da De Ligt. Pochi minuti dopo arriva la rete che sblocca la gara: Cancelo sulla sinistra si inventa un assist perfetto per la testa di Ronaldo che viene lasciato colpevolmente solo all’altezza del dischetto e trafigge Onana.

Secondo tempo: Neres pareggia subito

Neanche il tempo di scaldare i motori e l’Ajax trova il pareggio al 47′. Protagonista il brasiliano Neres che approfitta di un controllo sbagliato di Cancelo, su lancio innocuo di Tagliafico, per battere Szczesny con un bellissimo tiro a giro.
Il gol scatena gli olandesi e il pubblico della Cruijff Arena. L’atmosfera diventa incandescente e i padroni di casa iniziano a pressare. Fortunatamente per i bianconeri con poca precisione in zona gol. Per allentare la pressione e per puntare sulle ripartenze, Allegri inserisce Douglas Costa per Mandzukic e Dybala per Matuidi.
Il brasiliano è subito in palla e i suoi scatti iniziano a incrinare la sicurezza dell’Ajax in zona difensiva. Il finale diventa incandescente. All’83’ il neo-entrato Ekkelenkamp sfiora il gol su assist di tacco di Tadic. Due minuti dopo arriva la grande chance per la Juve: Douglas Costa parte da metà campo, se ne va sulla sinistra e scarica un diagonale potente che si stampa sul palo più lontano di Onana. È l’ultima occasione di una gara che promette emozioni e spettacolo anche al ritorno che si giocherà tra sette giorni a Torino.

Le altre gare: vincono Liverpool, Tottenham e Barcellona

All’Anfield il Liverpool batte il Porto e ipoteca la qualificazione con un netto 2 a 0. Dominio Reds fin dai primi minuti: al quinto Firmino serve Keita al limite dell’area. L’ex Lipsia controlla bene e supera Casillas. Al 26esimo Firmino si mette in proprio e sul perfetto assist di Alexander-Arnold firma il gol del definitivo 2 a 0. Unica reazione portoghese un bel tiro di Marega controllato da Allison.

La sorpresa di giornata è arrivata però nel derby inglese tra Tottenham e Manchester City. Gara ricca di episodi quella del Tottenham Hotspurs Stadium. Il City sfiora il vantaggio al 12′ con il rigore di Aguero. Lloris dice di no e respinge il penalty. Da lì inizia una fase con continui capovolgimenti di fronte ma il risultato resta fermo sullo 0 a 0. L’episodio chiave arriva al 58′ quando Harry Kane è costretto a uscire per un brutto infortunio alla caviglia. L’assenza del bomber di riferimento, invece di demoralizzare gli Spurs li carica. Al 78′ Eriksen allarga per Son che controlla in area e trafigge Ederson per il gol del definitivo 1 a 0.

L’unica vittoria esterna è firmata dal Barcellona che contro il Manchester United a Old Trafford trova il vantaggio al 12′ con l’autogol di Shaw su cross di Messi. La reazione degli inglesi è tutta in un paio di tentativi di Rashford ben controllati da Ter Stegen. Nel finale De Gea nega più volte il raddoppio ai blaugrana.

Share this:


SportPesa Racing

18+

You must be 18 years of age to register and to place a bet. The company reserves the right to ask for proof of age from any customer and the customer accounts may be suspended until satisfactory proof of age is provided.

OK

NOTICE

Please log in or register to view the game tables

OK

ERROR

Invalid Username or Password
Forgot Password?

OK

Cliccando su questo link acconsento e richiedo di essere reindirizzato su https://blog.sportpesa.it/ in cui sono presenti contenuti relativi a giochi con vincita in denaro per maggiorenni.

Non desidero visualizzare contenuti relativi a giochi con vincita in denaro